Termostato GSM per riscaldamento

Cosa c’è di peggio che arrivare in montagna venerdì sera e trovare la casa gelida che non si scalda nemmeno con la caldaia che va a manetta? E se anche qualcuno gentilmente si offre di accenderla per te, ma tu te ne ricordi tardi e questa persona non ci può più andare? Insomma, classiche scene del week-end invernale in montagna: borsa dell’acqua calda e due maglioni!
Succede però che siamo ormai nel XXI secolo e di soluzioni più o meno economiche ce ne sono a bizzeffe. E così decidiamo di comprare il famoso modulino GSM per poter comodamente accendere il riscaldamento con un SMS o una chiamata.
Il GSM-C640 è prodotto da una società del Varesotto che si chiama EVR electronics. Il manuale è semplice ed immediato, nonchè scaricabile online e l’utilizzo è davvero semplicissimo. Viene collegato in parallelo al termostato esistente che viene lasciato acceso ed impostato con la temperatura antigelo.
Ovviamente è necessario acquistare una SIM da un gestore di telefonia mobile ed è importante verificare la presenza di campo del suddetto gestore nella zona di utilizzo.

Una volta inserita la SIM si deve disabilitare il PIN e cancellare ogni messaggio. A questo punto si può inserire nel modulo e cominciare a settarla introducendo i numeri degli utenti (fino a 5), la password, le temperature di comfort, di allarme antigelo, ecc…
E’ possibile anche interrogare il dispositivo riguardo alla situazione della rete ed alla temperatura interna ed esterna (se provvisti di sonda opzionale). Il dispositivo dispone anche di un ingresso optoisolato che permette di monitorare per esempio l’eventuale blocco della caldaia.
La cosa ottimale sarebbe prevedere il suo utilizzo in fase di progettazione dell’impianto della casa per utilizzarlo e posizionarlo al meglio. Altrimenti il modulo, i cavi l’antenna e il trasformatore dovranno rimanere a vista, come nel nostro caso. Viva la tecnologia che semplifica la vita!!!! 

 

 

 

Rispondi