Kanelbullar – Girelle di cannella e zucchero

Questo è un dolce tipico Svedese che ho imparato a fare durante il mio soggiorno a Luleå, nel Nord della Svezia.

 

Ingredienti per la pasta base:
50 gr lievito di birra
1/4 di bicchiere di acqua tiepida
100 gr di burro o margarina
400ml di latte
1/2 cucchiaino di sale
150 ml di zucchero
1 cucchiaino di cardamomo in polvere (che se non avete potete anche omettere)
circa 1,3 litri di farina (misurata in un recipiente graduato in dl o litri)

Ingredienti per il ripieno di cannella e zucchero:
100gr burro o margarina
1/2 cucchiaio o più di cannella
100 ml di zucchero
1 uovo sbattuto per spennellare i rotoli o le girelle.
Granella di zucchero per decorare

Preparazione:
In una grossa terrina sciogliere il lievito nell’acqua.
In un pentolino sciogliere il burro e versarvi successivamente il latte. Versare ill liquido tiepido nella terrina con il lievito e mescolare. Aggiungere sale, zucchero e cardamomo sempre mescolando.
Aggiungere poi la farina gradualmente fino ad ottenere una pasta morbida e non appiccicosa. Porla nella terrina e lasciarla lievitare un’ora al riparo da cambiamenti di temperatura repentini.
Impastarla di nuovo finchè non sia bella liscia.
Dividerla in tre parti uguali e stendere le tre parti in rettangoli da 25 cm X 30 cm circa.
Spalmare il ripieno nei tre rettangoli lasciando spazio su uno dei bordi lunghi per la chiusura e arrotolarli cominciando dalla parte più lunga.
Porli, con la chiusura sotto, sulla carta da forno, coprirli e lasciarli lievitare finchè doppi in volume (un’ora e mezza circa).
Spennellarli con l’uovo e infornarli nel forno preriscaldato a 200°C per circa 20 min. Lasciarli raffreddare su una griglia coperta da un panno.
Dopo che avete arrotolato i salamotti potete anche tagliarli in girelle dello spessore di circa 1.5cm. Porle sulla carta da forno in una teglia larga.
Lasciarle lievitare finchè doppie in volume dopodichè spennellare con l’uovo e decorare con chicchi di zucchero. Infornare a 200°C per 10 min circa fichè dorate.

Servitele all’ora del tè o alla pausa caffè del mattino. In Svedese la pausa caffè è detta “Fika”.
Ovviamente questa pasta dolce si presta bene anche ad altri ripieni.

 

Ecco qualche foto dell’ultima fase della preparazione. In questo caso non avevamo la granella di zucchero per decorare.

{phocagallery view=category|categoryid=22|
imageid=0|limitstart=0|displaydetail=0|displaydownload=0}

Rispondi