Il gelato fatto in Casa

AH! La tauromachia(1)!!! …ma anche AH! Il gelato fatto in casa!

Cosa hanno in comune il gelato fatto in casa con le reazioni endotermiche naturali??
Beh, tutto direi, o almeno molto, moltissimo! I fatti sono questi :

“H” : Manu…ho voglia di gelato…
“M” : mettiti il goldone!!! (2)
“H” : don’t be silli, dico davero”
“M” : hm..ok, vado a vedere se mia nonna ha ancora la gelatiera.

E fu così che i due baldi giovini si misero in casa l’ennesimo elettrodomestico mastodontico (da gig)(3), che difficilmente troverà ricovero fisso ma, la tentazione di provare era troppo forte.

Ora, come tutti sanno (!?!) …ok ok, come sanno principalmente i miei amici più intimi, io sono un freddo calcolatore calorico.
Una volta un affezzionatissimo mi definì il “predator” del supermercato…immaginandomi con la vista a scansione termica mentre scrutavo gli scaffali di
un autogrill alla ricerca di qualcosa di non troppo dannoso per il mio organismo!! Detto questo, notoriamente il gelato in generale, offre un notevole
apporto calorico.


Per capire meglio cosa intendo facciamo innanzitutto delle distinzioni, sempre in via generale, relax…
Ci sono principalemente due tipi di gelato : le creme (cioccolato, nocciola, stracciatella) e i sorbetti (tutti quelli alla frutta). Appare ovvio come
i primi siano più importanti dal punto di vista calorico/nutrizionale rispetto ai secondi. Per fare un gusto crema sicuramente avremo bisogno di
ingredienti come zucchero, panna, uova, latte…eeeeeh eh che è!??!! Per un buon sorbetto, lo zucchero gioca un ruolo di rilievo…e la glicemica s’impenna!!! (4)

Solitamente a questo punto mi deprimo, impreco contro il mondo, e mi mangio un cesto di carote, finocchi e rapanelli per tappare “the whorm hole”
che si è creato dentro me al sol pensare a tutto questo.

Ma quanto tutto sembrava perduto, mi viene in aiuto la mia fatina buona, Manuki, proponendomi ricette alternative ed esperimenti vari alla volta della
ricetta ipocalorica et gustosa optima.
Così, frugrando tra le sue ricettine, ho tirato fuori dal cilindro la ricetta di questo gelato alla banana e yogurt.

La gelatiera c’è, gli ingredienti pure, in bici ci siamo andati…cosa aspettiamo a provare? Nulla!
Cominciamo quindi… e qui entra in gioco il discorso che accennavo all’inizio, le magnifiche reazioni endotermiche naturali che rendono la vita migliore.

Senza entrare troppo nei dettagli, forse non tutti sanno che una miscela di ghiaccio + sale + acqua molto fredda, ha come caratteristica quella di …..aiuto ‘moreeeee… (manuki in…) essere una miscela eutettica particolare detta anche miscela frigorifera.

Cos’è un eutettico??
Dal greco eu = bello, facile; tettico = da fondere. E’ una miscela di sostanze il cui punto di fusione è più basso di quello delle singole sostanze che la compongono. Queste sostanze possono coesistere solo ad una determinata temperatura di equilibrio (fissata la pressione). Ad esempio la miscela ghiaccio-sale di cui parliamo forma un eutettico a circa -21,3°C. Quando aggiungiamo il sale al ghiaccio fondente il sale comincia a sciogliersi nella poca acqua liquida e si ottengono quindi le tre fasi: H2O (s), NaCl (s), soluzione (acqua-sale). Nelle condizioni di temperatura e pressione della nostra cucina non si è in presenza dell’equilibrio e ciò provoca l’ulteriore fusione del ghiaccio solido e la dissoluzione del cloruro di sodio. Questo processo richiede assorbimento di calore dall’ambiente esterno, con conseguente effetto refrigerante. Mescolando opportune quantità di ghiaccio e sale è possibile formare miscele frigorifere efficienti e con una buona durata nel tempo (anche più ore).

Per saperne di più vi rimando ai seguenti articoli:

(manuki out…)

GrangelatoEd è proprio questo il principio di funzionamento di questa magnifica gelatiera Girmi Grangelato. Vecchia ma ancora funzionante, che qualcuno ancora cerca di vendere su ebay per 35 euro!! (attenzionei: tra un po’ il link sarà cancellato…)

Quello che serve per fare dell’ottimo gelato sono acqua, ghiaccio, sale e…ovviamente l’impasto per il gelato!
Nella nostra gallery le foto della Preparazione.
Il risultato è stato sorprendente, occhio non perfetto, ma sorprendente. Cremoso, saporito, meglio di tantissimi gelati caccolosi che ci è capitato di assaggiare in vita nostra ed ora…ci si è aperto un mondo…

Prossimo esperimento…il gelato proteico…

Stay tuned on H&M!!!

Ps: sulla conservazione non dico nulla…non è durato tanto, in 20 minuti puff : finito!

 
 
(1)Citazione da “Gente di un certo livello” Mai dire Gol – Fabio De Luigi
(2)Citazione da “Risvolti Psicologici tra giovani uomini e giovani donne” – Elio e le Storie Tese
(3)Citazione da “Spot anni 80 della GIG” nota casa produttrice di giocattoli
(4)Citazione da “Mai dire Gol”

Rispondi